Da Butera a Taormina, per rubare nelle Chiese. Arrestati padre e figlio

A Taormina da Butera per rubare nelle chiese. Un sistema ingegnoso, quello che hanno messo in atto padre e figlio, per impossessarsi del denaro delle offerte delle chiese taorminesi: un’asta di metallo lunga 39 centimetri e carta bioadesiva per far aderire il denaro. I due, mazzarinesi, ma residenti a Butera, sono stati arrestati dagli agenti del Commissariato di Taormina, colti in flagranza di reato, mentre erano intendi a sottrarre il denaro in due chiese. Quando il blitz è scattato i due sono stati bloccari e arrestati, nella loro auto è stata ritrovata la lista con tutte le chiese in cui fare razzia, inoltre è stata ritrovata anche una piccola lampada a Led, utilizzata per far luce all’interno delle cassette delle offerte.