Dal mare riaffiorano importanti reperti storici, scoperta anche una nave greca del VI sec. a.C

Il mare di Gela torna a restituire scorci di storia. Rinvenuti al largo della costa i relitti di una nave greca, la più antica mai trovata in tutta la Sicilia, risalente al VI secolo a.C. Una scoperta interessante resa possibile grazie alla segnalazione e all’intervento di un subacqueo gelese, Franco Cassarino. Un ritrovamento che dà prestigio e che permette di immaginare una Gela ricca dalla quale transitavano mercanzie pregiate. “Un rinvenimento di grande importanza – ha dichiarato Sebastiano Tusa, Soprintendente del mare – è una nave antichissima, che ha permesso inoltre di scoprire legni e ceramiche da ricondurre, a buon titolo, a questo relitto”. “È un ritrovamento straordinario per la storia di Gela – ha affermato il sindaco, Angelo Fasulo – un patrimonio che, per il valore storico, non appartiene solo alla nostra città, ma all’umanità intera”. Assieme alla nave greca, il mare ha restituito anche alcuni vasi, una brocca e un’anfora, databile con molte probabilità fra il II e il III secolo a.C.