Detenevano immagini pornografiche di minorenni. Indagati

Venti indagati per detenzioni di immagini pornografiche di minorenni. Adescavano ragazze minorenni sul Web convincendole a realizzare immagini ‘intime’ che poi era passate ad altre persone con le quali erano collegate principalmente con la messaggistica di WhatsApp. La ‘rete’ era collaudata ed estesa i  20 indagati sono residenti in 16 città italiane, tra cui Caltanissetta. Tra loro anche minorenni che hanno poco più di 14 anni e due maggiorenni con precedenti penali in materia di pornografia minorile. Questa è  la scoperta della polizia postale di Catania che ha avviato le indagini dopo la denuncia dei genitori di una sedicenne che è stata anche minacciata e ricattata, ma che si è confidata con i suoi. Dopo l’esposto, le Procure Distrettuale e quella per i Minorenni di Catania hanno disposto perquisizioni domiciliari nelle 16 città. Le indagini informatiche hanno consentito di ricostruire le chat e gli invii compiuti dalla minorenne, identificando tutti i ‘richiedenti’.Le città interessate sono Catania, Siracusa, Ragusa, Palermo, Caltanissetta, Reggio Calabria, Potenza, Avellino, Roma, Reggio Emilia, Lucca, Milano, Torino, Cuneo, Treviso e Venezia. Diversi i comuter sequestrati e vari materiali che ora sono al vaglio della magistratura.

Articoli correlati