Di Cristina: festa dell’Unità momento di confronto. Stasera mi aspetto il doppio delle presenze

Nonostante la pioggia abbiamo avuto una presenza di circa 150 persone nella prima serata della Festa dell’Unità alla Villa Comunale, organizzata dal Pd locale e ritornata dopo 16 anni. 
“Siamo soddisfatti dell’affluenza anche perchè ieri pioveva ed era giorno lavorativo, stasera ci aspettiamo il doppio delle presenze”. Ha detto il segretario cittadino Giuseppe Di Cristina. 
In questi nove mesi abbiamo organizzato tante iniziative all’aperto per permettere di costruire un grande progetto per la città che possa essere l’alternativa a questa amministrazione” . Ha detto il segretario. 
“Un momento di  confronto e di discussioni su una serie di tematiche importanti”. Ha aggiunto Di Cristina. 
Mancano tematiche come l’industrializzazio o il passaggio di Gela a Catania.
“Queste – ha affermato Di Cristina – vanno affrontate con più serietà e meno populismo. La vicenda di Catania è più complessa non è un problema che riguarda la città ma  una scelta che ha fatto la Sicilia a maggioranza trasversale sulla base di fatti che avrebbero portato più danni che benefici”. 
Le quattro giornate sono anche un modo per continuare la campagna per il Sì alla Riforma Costituzionale. 
“Gela- ha continuato Di Cristina-  ha raccolto più firme in Sicilia, consegnando al partito nazionale più di 3000 firme autotenticate. Questa battaglia referendaria continua, convinti che le ragioni del Sì prevarranno su quelle del No. “
E su chi li accusa di essere disgregati e in competizione tra di loro?
“Il pd – ha risposto Di Cristina –  è unito, ma non è una caserma ed è normale che vi siano delle divergenze”. 

Articoli correlati