Dieci Cose che impari al Salone del Libro

1– Che non importa quanto tu possa essere in fondo ad una fila, arriverà sempre qualcuno che sarà più in fondo di te e, nonostante questo, spererà di riuscire ad entrare in sala perché anche dietro di lui continuerà ad esserci sempre qualcun altro.

2– Che non conta quanti anni tu abbia, la sezione dedicata ad i libri per bambini ed ai libri illustrati continuerà ad essere nei decenni sempre la più stimolante dell’intero salone e ti troverai a competere con i più piccoli per spiare attraverso un foro di un’installazione di cartone e vederci dentro un modo di fiaba credendolo vero.

3– Che tutti, ma proprio tutti scrivono libri, dalla vicina con le pantofole bucate sotto casa al rapper di provincia e che questo è terribile ma al contempo meraviglioso.

4– Che i padiglioni sono 3 e sono ordinati secondo accurati criteri logici ma che tu non te ne renderai conto fino a che, attorno alle 5 dela notte dell’ultimo giorno di apertura di salone vivrai un’epifania dello spirito… e  sarà troppo tardi.

5– Che non basterebbero tre vite centenarie per leggere tutti i libri di cui ti sei annotato i titoli durante le giornate da ramingo al Salone ma che questo non è un buon motivo per smettere di farlo.
6– Che gli e-book sono comodi, non occupano spazio, non prendono polvere secolare e non si ingialliscono ma che l’odore della carta stampata e il formicolio alle mani sfogliando un libro di carta e inchiostro è una delle cose più belle sulla terra.


7– Che per quanto strano tu possa sentirti nel volerti rinchiudere per cinque giorni dentro un centro fieristico girando in tondo come un topo e facendo ore di fila davanti a sale in cui probabilmente alla fine non riuscirai ad entrare, non sei solo! Ci sono almeno altre 341 mila persone che non ti somigliano ma che sono strane come te.

8– Che “tempo di libri o non tempo di libri questo è il problema” a noi non interessa perché siamo cresciuti comprando “Emma dell’ermellino” a 6 anni nel padiglione under 16 del salone di Torino ed è li che vogliamo continuare ad andare come ad un anniversario con un partner innamorato e che non invecchia mai.

9– Che non importa se tu fissi un budget attraverso algoritmi di management avanzato e presentandoti al salone con solo 20 euro in tasca, sforerai il tetto: puoi pagare comodamente con carte di credito e bancomat.
10– Che non sai ancora bene se lettori si nasce o si diventa ma quello che sai con certezza è che è un’avventura meravigliosa.