Diga Comunelli in pericolo di cedimento. Federico chiede a Crocetta interventi ugenti

Intervento urgente per i lavori di rifacimento della Diga Comunelli di Gela. Questo quanto chiesto dal deputato regionale di Forza Italia Pino Federico, al presidente della Regione Rosario Crocetta e all’assessore regionale dell’Agricoltura e a quello dell’Enegia e dei Servizi di Pubblica Utilità.
Il  deputato sottolinea che già nel 2013 da un sopralluogo effettuato da parte di una squadra di tecnici dell’Assessorato Regionale dell’Energia si è messo in luce la criticità della struttura della diga, con l’individuazione di alcune fratture, soprattutto lungo il muro di tenuta della struttura con il serio pericolo di cedimento definitivo. 
“A risentire ancora una volta, sono i tanti agricoltori dell’area gelese che, almeno sulla carta, dovrebbero ricevere le forniture d’acqua, necessarie alla coltivazione, proprio dall’invaso Comunelli”, ha detto ildeputato. Oggi la Diga Comunelli si ritrova completamente colma di terriccio e sabbia, lo scarico di fondo intasato, totalmente abbandonata ed in balia degli eventi atmosferici. Ildeputato, considerato lo stato in cui versa la diga e l’importanza della sua messa in sicurezza, per cui occorrono fondi necessari per lo svuoltamento dei detriti, sabbia e terricciol interroga Crocetta e gli assessorei se siano a conoscoscenza di tale situazione, se intendano, con l’immediatezza dovuta, attivare la procedura d’urgenza per verificare il costo totale per lo svuotamento ed il risanamento dell’intera struttura della Diga Comunelli per il consequenziale ed adeguato rifacimento della maestosa struttura. Inoltre il deputato chiede di sapere se si siano adottati  gli opportuni provvedimenti al fine di procedere alla stesura di un progetto per  i lavori di rifacimento della Diga in questione e l’inserimento della stessa nella programmazione dei Fondi Europei 2014-2020.