Diretti a Foggia per l’iscrizione di Emanuele all’Università, non sono mai arrivati. Giuseppe Alabiso: una vita per il rischio

Li chiamavano il “barone” e il “baroncino”; quest’ultimo, sul suo profilo Facebook, alcuni giorni fa, aveva pubblicato delle foto in volo col padre Giuseppe. “Direzione Foggia tempo permettendo” , questo aveva scritto Emanuele Alabiso, 26 anni.  I corpi sono stati ritrovati tra le isole di Stromboli e Lipari, dopo che il velivolo su cui viaggiavano, lo Storm 300, ha fatto perdere le tracce di sè.  Le salme, stando alle prime informazioni, sarebbero state portate nell’obitorio del cimitero di Lipari, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un lutto che ha colpito tutta la comunità gelese. Giuseppe alabiso, 56 anni, odontoiatra è stato da sempre in prima linea a sostegno della donazione degli organi e del sangue: il medico era rientrato da quanche settimana da un giro del mondo, una “Trasvolata dei tre mari”, iniziata il 30 agosto scorso.  Ex pilota di rally, aveva sorvolato sul mar Mediterraneo, il mar Nero e mar Atlantico. Due le sue grandi passioni: il volo e lo sport. Ma soprattutto il rischio era ciò che l’affascinava.  Con la sua Ferrari rossa il medico geleseaveva subito un gravissimo incidente stradale a Catania, rimanendo vivo per miracolo. Poi è iniziata la sua passione per gli ultraleggeri. Aveva girato il mondo, fino a Capo Nord, sfidando tempeste e caldo torrido. In uno di questi viaggi, di ritorno da Lazio aveva subito un grave incidente, finendo in coma per una settimana. Ma niente lo demordeva. Padre e figlio, erano partiti perchè dovevano sbrigare della documentazione all’università pugliese, dove il giovane aveva deciso di iscriversi, dopo aver frequentato l’Università in Spagna. Purtroppo non sono mai arrivati. Un corpo è stato ritrovato intorno alle 3.30 di notte, l’altro all’alba. L’aereo era disperso da ieri pomeriggio: l’allarme è stato lanciato dal Comando generale delle Capitanerie di Porto di Roma che avevano ricevuto un segnale di emergenza da un velivolo che sorvolava l’arcipelago delle Eolie. Messaggi di cordoglio stanno inondando la pagina facebook del medico gelese. Giuseppe Alabiso aveva già organizzato per il 5 dicembre al cimena Hollywood un incontro  per presentare il video e foto delle sue avventure.