Domani prima nazionale di “Una storia sbagliata”, girato tra Gela e Iran

Un’altra prima nazionale a Gela:  “Una storia sbagliata” pellicola girata tra Gela e Iran, andrà in visione al  cine teatro Antidoto di Macchitella.  Un film di del regista Gianluca Tavarelli, prodotto da Palomar, che narra della storia d’amore di una coppia gelese Roberto e Stefania. I due diversi tra loro, forse distanti e distinti come tipi umaUn’altra prima nazionale a Gela:  “Una storia sbagliata” pellicola girata tra Gela e Iran, andrà in visione al  cine teatro Antidoto di Macchitella.  Un film di del regista Gianluca Tavarelli, prodotto da Palomar, che narra della storia d’amore di una coppia gelese Roberto e Stefania. I due diversi tra loro, forse distanti e distinti come tipi umani, ma legati da una passione ancestrale e da un affetto profondo che li spinge in breve tempo a sposarsi e ad andare a vivere insieme, col desiderio di costruirsi presto una famiglia. Roberto è un militare, Stefania un’infermiera, ma anche una attivista nelle cause umanitarie Onlus che sostiene le famiglie di  bambini che hanno delle malformazioni a causa del petrolchimico. Tavarelli prova a mescolare insieme diversi codici, partendo dal nucleo narrativo principale che ruota intorno alla storia d’amore tra i due protagonisti; procede poi in un’altra direzione, inoltrandosi nel territorio del film politico di denuncia, interessato a mostrare il lato nascosto, ed oscuro della guerra, con tutte le sue brutali ignominie e i suoi massacri nascosti, sia quelli reali (gli attentati terroristici) ma anche quelli che avvengono all’interno dell’anima di tutti coloro che ne rimangono coinvolti. Protagonisti della pellicola, sono Isabella Ragonese e Francesco Scianna. Tra gli interpreti anche i gelesi Guglielmo Greco e Emanuele Giammusso. Film che denuncia anche i disastri derivati dall’inquinamento. Nel film anche la partecipazione di molte scuole gelesi