Domani ultimo giorno per domanda Home Care Premium

L’Inps comunica che giovedì 30 marzo 2017 scade il termine per la presentazione delle domande per l’adesione al progetto Home Care Premium, HCP 2017, che prevede l’erogazione di rimborso spese sostenute per l’assunzione di un assistente familiare;  servizi socio assistenziali prestati dagli ambiti territoriali o dagli enti pubblici convenzionati.

Peraltro, per venire incontro a specifiche richieste, il termine di scadenza è prorogato fino al 6 aprile, limitatamente ai richiedenti residenti nei comuni colpiti dal sisma. Ad oggi, informa l’istituto, sono state presentate 41.250 domande.

ll  bonus invalidi 2017, ha una durata di 18 mesi, per cui l’erogazione del contributo sarà a partire da luglio 2017 fino al 31 dicembre 2018.

La domanda di partecipazione al bando, deve essere redatta e trasmessa all’Inps per via telematica. Previo possesso dei requisiti di accesso.

A chi è destinato il Bonus?

Il bonus disabili 2017, destinato ai dipendenti e pensionati della Pubblica amministrazione, ai loro coniugi, parenti e affini di I° grado non autosufficienti, ha come obiettivo quello di erogare a circa 30.000 persone dei contributi economici legati al grado di disabilità e all’ISEE, ossia, alla propria situazione economica.

Il tetto massimo del bonus fino a 1000 euro, si ha in caso di disabilità gravissima, ossia, quella che prevede il diritto all’indennità di accompagnamento, e un Isee socio sanitario a 8.000 euro.

\
Oltre l’assegno per disabili, il bando Home Care Premium Inps, prevede anche servizi integrativi erogati dall’ASL sulla base della percentuale di invalidità e l’ISEE, quali:

1)Supporto psicologico, fisioterapico e logopedistico;
2)Servizi in strutture extra domiciliari;
3)Prestazioni presso i centri riabilitativi, di aggregazione giovanile, ecc.;
4)Trasferimento dell’assistito per specifiche necessità.
Pertanto, potranno accedere al beneficio i dipendenti pubblici, iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali ed alla gestione magistrale e i pensionati pubblici.
Inoltre tale contributo potrà essere richiesto oltre che per se stesso, anche per:
1)il coniuge convivente o per un familiare di 1° grado, genitore o figlio;
2)il familiare di 1° grado del titolare: per se stesso, per il titolare, per un familiare di 1° grado del titolare, per il coniuge convivente del titolare;
3)il genitore richiedente superstite: per il figlio minore orfano del titolare;
4)il tutore: per il figlio minore del titolare;
5)l’amministratore di sostegno del soggetto beneficiario: per il beneficiario;
6)il suocero, la suocera; i fratelli e le sorelle germani unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali del beneficiario.