Dopo il doppio attentato Giuseppe Tandurella lascia l’amministrazione di Gela Brainstorming

Giuseppe Tandurella dice addio a Gela Brainstorming, il gruppo facebook di confronto democratico sui problemi della città di Gela.

Le motivazioni sono strettamente personali, ha comunicato con un post Tandurella che negli ultimi mesi ha subito ben due attentati incendiari.

Era giugno quando ignoti   avevano bruciato sia la sua auto che quella della moglie insegnante. Il secondo episodio si è verificato nella notte del 20 agosto scorso, quando gli incendiari hanno voluto ripetere la stessa azione criminale, bruciando ancora una volta le due auto di famiglia.

Un gravissimo atto intimidatorio che era stato indirizzato al geometra Tandurella, da sempre con la  per la politica, e molto attivo sui social, tanto da essere stato  tra i coordinatori  di un gruppo di discussione che raccoglie ben oltre 7300 membri.

“Resto i dell’idea che il confronto civile è il sale della Democrazia e del vivere sociale anche su piattaforme virtuali, il tutto magari fatto sempre con il massimo rispetto delle persone e con la massima educazione possibile” ha scritto Tandurella nel suo post con cui ha comunicato la sua volontà di non amministrare più il gruppo Gela braistorming”, dove vengono denunciate tante disfunzioni cittadine, e in particolar modo quello sui rifiuti.

Tanti i messaggi di solidarietà.

“Mi dispiace una delle poche persone con cui potersi confrontare in maniera intelligente sagace e sarcastica..”

“I  tuoi interventi puntuali e disinteressati ci mancheranno, ma rispetto e comprendo la tua decisione. Un caro abbraccio.”

Solidarietà, ma rabbia perché mi rendo conto che non c’è democrazia.”