Dott. Moscato: Vaccino? Consiglio di aspettare ancora un po’

“Consiglio ancora di aspettare un po’ di tempo prima di effettuare la vaccinazione, anche se questo non vuol dire colpevolizzare il vaccino senza le certezze scientifiche che devono ancora arrivare. Dal mio punto di vista è improbabile che esista un nesso diretto tra la somministrazione dei due lotti di vaccino antinfluenzale Fluad, e le morte sospette”. Questo è quanto ci ha riferito il medico di famiglia gelese dott. Antonio Moscato. Ma intanto per il momento si sa che la possibilità di un collegamento fra decesso e vaccinazione antinfluenzale resta aperta, sono arrivate a 19 le persone decedute dopo aver assunto la proteina, e ora si aspettano gli esami istologici dei tessuti. Questi vaccini infatti non contengono anticorpi, come comunemente si crede, ma una particolare proteina che bisogna cercare nei tessuti delle persone decedute dopo aver assunto il vaccino. Questa proteina nei casi che si stanno verificando può aver determinato due situazioni che possono provocare la morte: reazioni allergiche gravi o encefaliti infettive, con danni al sistema nervoso. Intanto anche l’infermiera di Ragusa, 51 anni, trovata priva di vita dal figlio, un paio di settimane fa, aveva assunto il vaccino antinfluenzale e i medici stanno valutando l’ipotesi di reazione allergica. Intanto da parte del ministro della Salute Beatrice Lorenzin l’invito agli anziani resta però quello di vaccinarsi. “L’influenza – ci ha detto il medico curante – per i soggetti fragili può portare anche ad ospedalizzazione e morte per complicanze, non bisogna quindi farsi prendere dal panico, tenendo presente che per i malati cronici i rischi da complicanze sono maggiori di quelli legati alla vaccinazione, che sono invece bassissimi”. I vaccini salvano ogni anno centinaia di migliaia di vite. Le complicanze post-influenza sono fra le prime cause di morte fra gli anziani. Complicazioni broncopolmonari, se si realizzano in un paziente con scompenso cardiaco o un post-infartuato o un diabetico possono diventare estremamente pericolose.

Tagged with: