Droga, cellula al Cara di Mineo: 19 arresti. Salvini: entro dicembre la chiusura

C’è anche il Cara di Mineo tra i centri di accoglienza per i richiedenti asilo, che verrà chiuso entro dicembre.

Il ministro dell’interno in una intervista radiofonica a Rtl  ha sottolineato come più grossi siano i centri più facile è che si infiltrino i delinquenti.

A dimostrazione di ciò vi è l’operazione l’operazione Viking confraternity eseguita nelle prime ore di stamani.

Una banda di spacciatori di cocaina e marijuana che operava in varie zone d’Italia, ma che aveva una propria cellula operativa a Catania e nel Cara di Mineo utilizzando il metodo mafioso è stata sgominata dalla polizia che ha eseguito 19 fermi. I

provvedimenti, della Dda della Procura, ipotizzano, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope e violenza sessuale aggravata. Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Catania hanno permesso di ricostruire struttura e ruoli del sodalizio che imponeva la propria egemonia sul territorio, opponendosi e scontrandosi con gruppi rivali al fine di assumere e conservare il predominio nell’ambito delle comunità straniere presenti all’interno del Cara di Mineo creando un forte assoggettamento omertoso. Durante le indagini sono stati intercettati dei rituali dai quali emergeva la fedeltà dei sodali alla confraternita.

Quello di Mineo non sarà l’unico  centro che sarà chiuso. In Italia è previsto lo stop per sei centri di accoglienza