Due “Terranova” per una città

Terranova, come una fenice risorge il vecchio nome della città di Gela anche se solo a livello sportivo. La società giallorossa, che s’era in passato unita alla Juventina e che fino agli anni 90′ (ultimo campionato nel 1993-1994) aveva fatto tanto gioire i tanti appassionati del mondo pallonaro, torna alla ribalta… ma sotto due vesti! La prima è quella rappresentata dal presidente Alessio Fisci che ha guidato l’iniziativa di un gruppo di giovani la cui voglia ha messo su un progetto che si preannuncia serio e che mira a lucidare quel vecchio nome sbiadito del Terranova ripartendo però dalla terza categoria: ”Dopo anni di militanza agonistica dilettantistica, io ed altri quattro amici (ANGELO BRICCONCELLO, FILIPPO CIRIGNOTTA, GAETANO SALEMI, DANILO ARANCIO) ci siamo guardati intorno ed abbiamo deciso che il nome Terranova non poteva mancare dal panorama sportivo della città.

WhatsApp-Image-20160525 2

Alessio Fisci, Presidente ASD Terranova Gela Calcio

 

Larga parte della tifoseria sportiva si sente orfana come noi di una squadra che li rappresenti non soltanto nei colori ma soprattutto nel nome. E così dopo riunioni varie, il 07/04/2016 abbiamo redatto l’atto costituivo e tre giorni dopo abbiamo registrato il tutto.”- queste le dichiarazioni del neo- presidente Alessio Fisci che con passione e serietà, seppur a livello amatoriale, ha deciso di rilanciare il vecchio simbolo della Gela calcistica. Su Facebook sono tanti i messaggi di auguri che la nuova società continua a ricevere riscuotendo parecchio successo soprattutto dai vecchi sostenitori della storica squadra presieduta da Maganuco, e il nuovo logo ha scaldato i cuori e rinverdito i vecchi e arsi rami dei ricordi, un vero e proprio attacco di nostalgia per ciò che il Terranova ha rappresentato.

La società intanto sta vagliando gli elementi da inserire nella rosa 2016/2017 con l’obiettivo di far avvicinare a questo nuovo progetto dilettantistico i tanti tifosi gelesi professando uno sport sano, certamente lontano dai grandi budget, ma non meno coinvolgente. Soprattutto su quest’ultimo punto insiste prepotentemente la nuova società: coinvolgere il maggior numero di tifosi, rievocare vecchi ricordi e ambire a traguardi più prestigiosi portando sotto la luce dei riflettori il nuovo Terranova, un marchio indelebile della Gela dello sport. La seconda veste invece è quella rappresentata dal presidente Paradiso che, qualche giorno fa, ha dichiarato di volere cambiare il nome della società Atletico Gela in Terranova, il cui logo è già apparso sula pagina Facebook USD Atletico Gela. Il presidente, nonostante la mancata promozione in Eccellenza, non s’è perso d’animo: oltre infatti a sistemare la faccenda del nome, ha dichiarato di voler raggiungere la promozione nel più breve tempo possibile. Un obiettivo ambizioso di certo, come ambizioso è sempre stato il patron giallorosso che però dovrà fare i conti con il campo e con una rosa ancora quasi tutta da definire con molti giovani e con l’addio dei tanti senatori. Un’operazione, questa del cambio di denominazione, che potrebbe avere l’obiettivo di attirare i tanti gelesi che in questi anni hanno bistrattato l’Atletico Gela, il cui “Presti” è sempre stato deserto durante i match casalinghi.

 Basterà questa operazione a far riempire lo stadio? Certo è che tutto ciò sembra abbia l’aspetto di una idea non proprio originale che potrebbe oscurare il nuovo progetto del presidente Fisci. Sui social nel frattempo già non si risparmiano le prime critiche e la conclusione risulta ovvia agli occhi dei tanti utenti: in base al coinvolgimento che sta riscuotendo il nuovo Terranova Gela Calcio, si può per certo dire che i gelesi stanno più apprezzando il progetto di Alessio Fisci, bistrattando l’Atletico Gela (o Terranova?) come già fatto in stagione. Nel frattempo la città si arricchisce di una nuova società sportiva, anche se certamente questa omonimia potrebbe infastidire i protagonisti di ambedue le parti nonostante i progetti siano diversi e forse uno meno ambizioso dell’altro.

Che ci sarà forse anche il ritorno di un’altra grande del calcio gelese come la Juventina? Staremo a vedere, ma sicuramente queste due società omonime potrebbero creare più di qualche sporadica confusione ai tanti appassionati di calcio.