Educazione, istruzione e rispetto reciproco, alla “Giudici” si parla di diritti e doveri fra genitori e figli

I diritti e i doveri fra genitori e figli al centro del secondo incontro previsto dal progetto di Educazione all’affettività, organizzato dall’istituto comprensivo “San Francesco” di Gela, diretto dalla Preside Giovanna Palazzolo.

L’iniziativa, che mira a coinvolgere i genitori e indirettamente anche i figli, ha visto la presenza di Davide Chiarenza, responsabile dell’Ufficio Minori della Questura di Caltanissetta, che ha illustrato alle mamme e ai papà presenti i diritti e i doveri che regolano il loro rapporto con i figli. Fra questi, innanzitutto, il dovere di educare e istruire i figli e per questi il dovere di contribuire al mantenimento della famiglia, nel limite delle proprie possibilità economiche e rispettarsi a vicenda. “Il nucleo familiare – ha affermato Chiarenza – è fondamentale per la formazione dei ragazzi. Se i figli hanno a casa dei buoni modelli da seguire, allora saranno loro stessi dei buoni modelli per la società. Spesso i ragazzi che delinquono lo fanno perché la famiglia non è presente come dovrebbe e perché si lasciano trascinare da situazioni scomode e poco oneste”. Soddisfatta del progetto anche la dirigente Palazzolo, che ha programmato gli incontri per fornire degli spunti di riflessione importanti ai genitori dei suoi alunni grazie al contributo di specialisti ed esperti. A moderare l’incontro Monica Bevelacqua. L’iniziativa, che si è svolta nell’auditorium “Virgilio Argento” del plesso Paolo Emiliani Giudici, vedrà la prossima settimana il Procuratore della Repubblica Lucia Lotti relazionare sul tema dei maltrattamenti e dei reati che vengono commessi in famiglia. Negli appuntamenti a seguire saranno presenti anche la scrittrice Silvana Grasso e il Maggiore Valerio Marra.

Articoli correlati