Elezioni: gelesi più confusi che persuasi

Gelesi sempre più vicini al voto, ma non ancora pronti. Hanno infatti le idee confuse i cittadini che il prossimo 31 maggio verranno chiamati a tessere lo sorti della nuova amministrazione comunale. Poco più di una decina di candidati ad oggi, un numero che potrebbe crescere ancora stabilendo quasi un record nella storia della corsa all’ambita poltrona del “potere”, ma soprattutto della responsabilità nei confronti di una città sempre più divisa fra speranza e sfiducia. E se sul nome del prossimo Sindaco è ancora presto per esprimersi, non lo è per le aspettative e le richieste da rivolgergli. Cosa chiedono dunque i gelesi? Chiedono strade ben asfaltate, l’acqua potabile tutti i giorni, parchi giochi per bambini, più cura per il verde pubblico e più pulizia per le vie, luoghi ricreativi dedicati agli anziani e ancora maggiori opportunità di lavoro per tutti. Non mancano comunque i cittadini che dichiarano già che diserteranno le urne perché ormai stanchi delle promesse e delle garanzie che il periodo pre-elezioni genera. Insomma, mancano appena due mesi, ma per i gelesi non è ancora il momento di cercare le risposte che forse arriveranno solo una volta dentro una cabina elettorale.