Eni e Capitaneria Gela: riuscita esercitazione Pollex. Coinvolti 100 specialisti e navi antinquinamento

Si è conclusa positivamente l’esercitazione “Pollex 2017”,  svolta oggi a Gela e organizzata da Eni congiuntamente alla Capitaneria di Porto.

La simulazione ha ipotizzato per la prima volta lo sversamento in mare ed il successivo spiaggiamento a terra di olio, determinato da una perdita dalla condotta della piattaforma Prezioso, e ha visto un’importante mobilitazione di mezzi e risorse per un totale di circa 100 specialisti, sette mezzi navali antinquinamento, un elicottero, e, sulla terraferma, il dispiego di camion, pale meccaniche ed automezzi.

Eni afferma che ” la tutela della sicurezza delle proprie persone, delle popolazioni interessate dalle proprie attività è la priorità.”

Ogni anno la multinazionale esegue molte esercitazioni in Italia e all’estero ma solo alcune richiedono l’intervento di attori esterni e il coinvolgimento della comunità locale, così come è successo a Gela.

Eni coglie l’occasione per ringraziare gli Enti e le strutture territoriali coinvolte e la popolazione che con la loro collaborazione hanno contribuito al buon esito della simulazione.