Eni non vuole lasciare Gela: in corso conferenza stampa con i vertici dell’azienda

In corso aggiornamento sulla riconversione della Raffineria di Gela, in particolare sul l’avvio della Green Refinery, già avvenuta un paio di mesi fa. Presenti Salvatore Sardo, Luigi Ciarrocchi responsabile del progetto Gela, Alfredo Barbaro. “Eni non vuole lasciare questa zona, ma non possiamo guardare indietro ma avanti, quello che é economicamente sostenibile. Il sito di Gela ha avuto una perdita di 270 milioni di euro l’anno.” Questo ha riferito il dott. Sardo

“Tutti  gli impegni  sottoscritti nel protocollo- ha detto Sardo- saranno mantenuti. Avviata una  serie di attività concrete che porteranno alla riconversione del sito industriale. La Green Refinery sarà il  punto di partenza da cui partiranno altre attività di riconversione del sito. Gela sarà strutturata per trattare prodotti alimentari di prima generazione, come olio di Palma, ma anche di seconda come oli esausti, che miglioreranno la performance della green refinery. Non è un progetto che rimarrà nel mondo dei sogni. E siamo qui per dimostrare che l’impegno di Eni sarà mantenuto, c’è un’area che sta per essere smontata, su cui saranno istallate alcune apparecchiature, c’è già un’altra area di cui di é espletata la gara per il cuore della green refinery, cioè la Steam  reforming. La scelta di passare al  green è significativa, cioè l’attenzione di Eni  nei confronti dell’ ambiente. Quello della  green Refinery é un segno importante per il  paese e per il territorio. Oltre questa una serie di altre iniziative saranno avviate per far del sito gelese un hub dove altri soggetti possano istallare attività produttive. Attivati 24 cantieri di bonifica per un costo di 82 milioni di euro. Un caso per tutti l’Isap pronto già da mesi, ma prenato da normative complesse dipendente in alcuni casi del ministero dell’ambiente altre volte della regione. Uno sforzo enorme é l’avvio di un centro di formazione a Gela che sarebbe potuto essere presente in grande centri come Roma. 

Aggiornamento in corso. 

Articoli correlati