Ennesima tragedia in mare, morti ventinove migranti

Ennesima tragedia in mare, nel canale di Sicilia, dove gli uomini della Guardia Costiera italiana nella notte hanno soccorso un’imbarcazione con centosei persone a bordo. Per ventinove di loro, purtroppo, non c’è stato nulla da fare, i migranti sono morti per ipotermia.  La richiesta di intervento era giunta nel primo pomeriggio di ieri al Centro nazionale di soccorso della Guardia costiera di Roma, tramite telefono satellitare. Nell’area erano state inviate anche le motovedette CP 302 e la CP 305 da Lampedusa. Difficili le operazioni di soccorso a causa delle condizioni proibitive del mare: salvataggi, dunque, allo stremo delle forze per gli uomini della Guardia Costiera, disposti persino a mettere a repentaglio la propria vita pur di portare in salvo quante più persone possibili. Fra i profughi sbarcati a Lampedusa, uno è stato trasferito in elisoccorso a Palermo, mentre altri sei sono ricoverati a causa di assideramento al poliambulatorio dell’Isola. Intanto, proprio in queste ore la seconda motovedetta della Guardia Costiera dovrebbe aver raggiunto Lampedusa con gli ultimi migranti.

Articoli correlati