Erogazione idrica, tariffe e potabilità: Messinese incontra Ato idrico, Caltaqua e Siciliacque

L’erogazione idrica, la potabilità, le tariffe e gli interventi sulle reti fra le questioni discusse ieri sera nel corso di un’accesa riunione promossa dal sindaco Domenico Messinese, alla presenza dei vertici di Ato Idrico, Caltaqua e Siciliacque e di Alessandra Ascia, presidente del Consiglio comunale. Quest’ultima e Messinese hanno ribadito, stigmatizzando la crisi idrica di questi giorni, la necessità che Caltaqua completi le opere di manutenzione e quelle infrastrutturali, prestando fede agli impegni presi ufficialmente nelle precedenti conferenze di servizio.

Al centro del confronto anche il mancato rientro dei parametri di torbidità in alcuni serbatoi cittadini a distanza di undici giorni dalla data in cui è stata emessa l’ordinanza che vieta l’uso di acqua a fini alimentari. A tal proposito, è stato chiesto che vengano applicate le penali previste alla società che si occupa della gestione integrata e che ai cittadini vengano defalcate le tariffe in virtù di questo disservizio.

“Non possiamo tollerare – ha detto Messinese – oltre al danno di un canone tra i più cari d’Italia, anche la beffa di pagare acqua non potabile”.

E sul tema idrico oggi il sindaco è tornato a confrontarsi in un tavolo regionale per quanto riguarda la disponibilità per il settore agricolo, utilizzando anche le acque reflue. “In questo modo – ha spiegato il sindaco – renderemo un servizio fondamentale agli imprenditori agricoli, tutelando anche la qualità del nostro mare”.

Articoli correlati