Esercitazione rischi incendi, un’intera città coinvolta, imposti divieti di sosta e rimozione forzata

Gela è stata scelta dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile tra le poche città siciliane in cui si terrà un’esercitazione con simulazione di rischio incendi.

A essere interessato sarà il primo istituto comprensivo di Albani Roccella. La giornata conclude il progetto “Scuola multimediale di protezione civile”, promosso con l’obiettivo di approfondire tra gli studenti la conoscenza dei rischi presenti sui territori, affinché insegnanti e alunni siano adeguatamente formati per poterli affrontare.

Il Comune di Gela, per l’occasione, ha prodotto un docu-video che ripercorre le fasi di gestione dell’incendio che nell’estate del 2012 incenerì il versante sud della collina in prossimità del porto rifugio, oggi oggetto di interventi preventivi di pulizia. All’esercitazione saranno presenti tutti gli attori operativi coinvolti: Polizia municipale, Carabinieri, Polizia, Vigili del fuoco, Guardia forestale e Protezione civile, nonché il prefetto di Caltanissetta, il Vescovo della diocesi di Piazza Armerina e il sindaco Domenico Messinese. L’appuntamento è per venerdì 6 maggio, a partire dalle 9:30.

Le giornate di esercitazione saranno aperte alla cittadinanza, diventando così un’importante occasione di sensibilizzazione in materia di protezione civile e rendendo i ragazzi protagonisti della diffusione di una cultura del rischio sia nelle loro famiglie sia nella propria comunità.

Per l’occasione, inoltre, è stata emessa un’ordinanza che vieta il transito e la sosta con rimozione forzata in via Scicolone, tratto compreso tra la via Neri e la via Monte Mona e in via A.Navari, tratto compreso tra le stesse vie già indicate, a partire dalle 5:30 di venerdì.

Articoli correlati