Esmeralda ha ricevuto una nuova vita, grazie alla donazione. Giurato: tanti i messaggi di solidarietà

Vuole essere la prossima testimonial della campagna di sensibilizzazione alla donazione del midollo osseo. È questo che ha detto al presidente dell’Admo Gela Giacomo Giurato, la piccola Esmeralda affetta da leucemia.

Oggi Esmeralda ha ricevuto una seconda vita e non dalla mamma, ma dalla sorella. La piccola, ricoverata al Santo Bambino di Roma, poche ore fa ha subito il trapianto di midollo osseo donatole dalla sorella maggiore.

Messaggi di solidarietà sono arrivati in queste ore da tutta Italia, persone che non hanno mai conosciuto Esmeralda ma che si sono fatte conquistare dalla sua storia.

Esmeralda ha 10 anni, ma dimostra una maturità che pochi adulti hanno. Sta affrontando con coraggio e una grande forza interiore la sua malattia. Ne sa qualcosa Giacomo Giurato che è stato accanto alla piccola e alla sua famiglia in questi mesi.”Sono arrivati oggi tante telefonate da tutta Italia, tutti a chiedermi dello stato di salute di Esmeralda e dell’esito dell’intervento”.

La storia di Esmeralda ha commosso tutti nelle settimane scorse. “IO voglio vivere”, è la frase pronunciata dalla piccola. “Sono compatibile” è quella che con grande gioia è stata pronunciata dalla sorella quando ha scoperta che poteva essere la donatrice.  Adesso bisogna solo aspettare che il trapianto vada a buon fine, e che le piatrine e i globuli rossi aumentino di giorno in giorno.

“Le ho promesso di portarla dal Papa” ha detto Giacomo Giurato. “Oggi con la donazione si è compiuto il miracolo della vita” ha detto Giacomo Giurato che si è lasciato conquistare dalla piccola gelese, che ha scoperto di essere ammalata pochi mesi fa.

Esmeralda è una bambina che fino a pochi mesi fa stava bene, frequentava anche una scuola di danza, poi la stanchezza e la scoperta della malattia. Sono tanti i casi di leucemia a Gela, ci ha detto Giurato.

La Storia di Esmeralda ha fatto intensificare le disponibilità di donazione di midollo osseo. Ci ha detto Giurato. “In tanti mi telefonano con la voglia di donare.”

Purtroppo non sempre si ha la fortuna di avere un fratello o una sorella, e per di più compatibile. Vi è una possibilità su 100 mila di trovare un donatore di midollo osseo. Considerando che donare il midollo è semplice come un prelievo di sangue la domanda se ne vale la pena farlo diventa quasi retorica. “Il miracolo della vita è alla portato di tutti noi”, ha detto Giacomo Giurato, che ha ricevuto un grande insegnamento da parte della bambina, specie  quando gli ha pronunciato una frase che lo ha lasciato senza parole: “Sii forte. Meno male che la malattia è arrivata a me, se si fosse ammalata un’altra bambina non so se sarebbe stata in grado di affrontarla”.

“Esmeralda mi dà ancora più forza di andare avanti è lei che ci dà la forza della donazione, lei portatrice sana di sorrisi e di vita” ha detto Giurato.

Stasera una preghiera speciale per Esmeralda si è tenuta nella chiesa di Macchitella.