Essere belle anche con il cancro: incontro all’Auditorium del Vittorio Emanuele

Preservare l’estetica e la sensualità nei malati di cancro. Questo il tema dell’incontro che si terrà presso l’auditorium dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Gela a partire dalle ore 9:00.

l’estetica oncologica sta prendendo piede in moltissime strutture ed associazioni con l’obiettivo di insegnare alle donne affette dal cancro a prendersi cura della propria immagine e bellezza, per riappropriarsi della fiducia in sé stesse e per imparare ad amare il proprio corpo che cambia a causa delle terapie o della malattia.
Nel reparto di Oncologia del Vittorio Emanuele operano le volontarie dell’associazione Farc&C (ondere Assistenza Ricerca Cancro & Cultura), che offrono supporto a pazienti e famiglie) che oltre ad un supporto psicologico alle pazienti e alle loro famiglie, hanno avviato tante iniziative ccome il progetto foulard e quello make up.

L’esperienza cancro è una prova esistenziale che riguarda tutti gli aspetti della vita. La patologia oncologica cambia l’aspetto fisico, diventa difficile riconoscere la propria immagine, e le donne faticano ancor di più nell’accettare tali cambiamenti.
“Le volontarie aiutano le pazienti prendersi cura del proprio aspetto, per stare meglio con sè stesse e con le persone che hanno accanto.
Di questo e di altro si parlerà all’incontro che avrà come relatori il dott. Rosario Caci, dermatologo, la dott.ssa Anna Maria Aliotta farmacia, lo stilista Koscanyo, la psicologa dott.ssa Elisabetta Rita Pasqualetto, il ginecologo dott. Rosaio Ferrara, la dott.ssa Claudia Calì, urologo

Grazie alle iniziative di estetica oncologica, con l’aiuto di estetiste, parrucchieri e consulenti di immagine, le donne affette dal cancro hanno la possibilità di vedersi belle nonostante la malattia, imparando tecniche per truccarsi o come indossare la parrucca o il foulard e se hanno perso i capelli a causa della chemioterapia.