Farruggia: la Commissione Ambiente e sanità messa al palo dall’amministrazione messinese

La V Commissione permanente Ambiente e Sanità del comune di Gela, non era stata invitata all’incontro che si è tenuto il 27 aprile scorso, presso gli uffici amministrativi del Vittorio Emanuele, con la presenza del VI Commissione dell’Ars, presieduta dall’on. Pippo Digiacomo, e del direttore dell’Asp, Carmelo Iacono, per fare il punto sull’Atto aziendale, già approvato, e sulla pianta organica del nosocomio gelese.

Lo ha sottolineato il presidente Virginia Farruggia, che ha messo in evidenza come ad organizzare l’incontro siano stati alcuni colleghi consiglieri, a seguito dell’Amministrazione e dell’on. Giuseppe Arancio.

“Tutto questo in un momento in cui si parla di riportare il Consiglio Comunale al suo ruolo politico istituzionale ormai perso, grazie ad una Amministrazione che ne mortifica di continuo la sua esistenza, e che mortifica la Commissione Ambiente e sanità, messa al palo da comportamenti di indifferenza e superiorità proprio da parte di questa amministrazione”. Ha messo in evidenza Virginia Farruggia.

Il consigliere pentastellato parla di una amministrazione lontana dai principi democratici e dal confronto per la risoluzione dei problemi per il bene comune. Una amministrazione che è lontana anche dai temi ambientali, sottolinea il presidente Farruggia, ritenuti solo una perdita di tempo da parte della Commissione. “Riteniamo che quanto accaduto sia da vvero spiacevole ed un semplice ed ennesimo tentativo, da parte dell’Amministrazione Comunale, di delegittimare la V Commissione, che ha saputo, a differenza del Sindaco , per il bene del territorio, instaurare un rapporto interlocutorio con l’Asp e la Regione; rapporto che ci consente il monitoraggio continuo sulle attività programmate in favore della Sanità locale.