Forfora , esfoliazione eccessiva del cuoio capelluto: Quali sono le cause?

Fra i problemi estetici che possono tormentare una persona, sicuramente la forfora rappresenta uno dei più fastidiosi. Questa patologia, dovuta spesso ad una moltitudine di fattori, è il frutto di una esfoliazione eccessiva del cuoio capelluto: in pratica, la produzione delle cellule cutanee accelera e, con l’invecchiamento, tende a separarsi dalla testa. Il risultato lo conosciamo tutti: i canonici “fiocchi di neve” che cadono sulle spalle, e che non sono altro che le piccole scagliette di cute morta che si distaccano dal cuoio.

Come già detto, le cause alla base della forfora sono molteplici e non sempre facili da investigare: questo perché la forfora stessa non sempre è uguale. Fra clima e lieviti come la Malassezia Furfur, spesso servono degli esami specialistici per determinare l’origine dell’esfoliazione eccessiva e della forfora.

Quali sono le cause che provocano la forfora?

Si calcola che circa il 50% della popolazione mondiale soffra di forfora: già da questo dato, si può intuire quanto possano essere vaste e differenti le cause alla base dell’esfoliazioni eccessiva. Quali sono i motivi più diffusi che danno vita a questa condizione? Innanzitutto l’azione del lievito noto come Malassezia Furfur: questo agente fungino è normalmente presente nella cute della testa, ma può proliferare a causa di una produzione troppo abbondante di sebo, dato che si nutre di esso.

Ecco perché, in questo caso, si parla proprio di forfora grassa. Anche le condizioni climatiche possono influire sulla comparsa della forfora: l’umidità e il freddo possono infatti seccare la pelle e causare questa condizione di eccessiva esfoliazione. Da non sottovalutare le malattie infiammatorie del cuoio capelluto, come la dermatite atopica, spesso responsabili della produzione di forfora.

Forfora: quali sono i rimedi per combatterla?

Per fortuna è possibile reperire diversi rimedi per combattere l’esfoliazione eccessiva, naturali e non. Quelli che si dimostrano più efficaci sono chiaramente i prodotti antiforfora specifici come quelli della linea Bioscalin: il suo shampoo, ad esempio, ha una profonda azione igienizzante che permette di trattare indistintamente sia la forfora grassa, sia quella secca. Poi si trovano pure svariati rimedi naturali: il tea tree oil, per fare un esempio, è un’ottima soluzione per contrastare la forfora.

Il motivo? Aiuta chi soffre di capelli grassi, dunque agisce contro la sovrapproduzione di sebo riducendo l’azione della Malassezia. Anche l’olio essenziale di betulla e l’escolzia rappresentano due rimedi naturali di livello.

Dieta e prevenzione anti-forfora

È possibile combattere la forfora prevedendo anche una dieta che sia sana e intelligente: è sempre il caso di integrare cibi che siano una ricca fonte di elementi nutritivi e antiossidanti come la vitamina E ed il selenio, che si trovano in verdure e frutta secca. Il pesce azzurro, invece, si dimostra una risorsa molto preziosa soprattutto per integrare acidi grassi come l’Omega 3.

Poi viene la prevenzione: meglio evitare le sigarette e l’alcool, che possono aumentare in modo massiccio la desquamazione. Inoltre, bisogna fare attenzione ai detergenti e non usare quelli a base di tensioattivi, che possono esacerbare l’infiammazione. Anche l’assunzione di integratori naturali può aiutare a prevenire la forfora.