Forza Italia: Gela in piena crisi, si coinvolga tutta la politica o sfiduciare amministrazione

Gela non è un società privata, ma un bene comune che deve essere gestito con il coinvolgimento dei tutte le forze politiche. Questo quanto sottolineato da Emanuele Maniscalco, coordinatore di Forza Italia Gela che interviene situazione politica in città.

“La città versa in uno stato di crisi economica, sociale e politica senza precedenti. In un momento storico in cui la città avrebbe avuto bisogno di una rivoluzione copernicana che ridisegnava nuove vie di sviluppo, una lungimirante programmazione che potesse attrarre capitali ed investimenti, una presenza costante a fianco degli agricoltori e piccoli imprenditori, un sostegno maggiore alle fasce più deboli, invece oggi si fatica a garantire i servizi minimi essenziali che contraddistinguono una società civile. L’azione amministrativa degli ultimi anni, che noi abbiamo da sempre contrastato, è stata fallimentare in ogni sua sfaccettatura; dai rifiuti all’area di crisi complessa, dall’agricoltura alle compensazioni Eni, dallo sport ai disabili. Il fallimento più grande è stato lo strappo istituzionale voluto e creato dal Sindaco con il consiglio comunale nella sua interezza, oltre l’indifferenza nei confronti dei partiti che sono la forza politica di qualsiasi amministratore che si rispetti.” Ha detto il coordinatore cittadino.

“Oggi è arrivato il momento di far comprendere che la città è un bene comune di tutti e non può essere gestita come se fosse una società privata o un’associazione; di contro, la sconsideratezza dimostrata dagli amministratori nel continuare a governare secondo una linea fallimentare, non può esimere i Partiti dall’assumersi la responsabilità di far rialzare il capo alla città. L’unica strada percorribile è quella della responsabilità riportando i partiti al centro del dibattito politico; deve finire il tempo delle trattative private tra amministrazione e singoli consiglieri. Gela ha bisogno di un’amministrazione forte, pertanto, come atto d’amore nei confronti della città, faccio appello al Sindaco ed a tutti i partiti politici affinché si provi a realizzare un governo di responsabilità incardinato sulla risoluzione di alcune problematiche importanti che possano dare un nuovo slancio allo sviluppo del territorio. ” Ha continuato Maniscalco.

“Fare questo sforzo è un dovere morale, prima che politico, di tutti coloro i quali ricoprono ruoli politici ed istituzionali in città. Stesso dovere morale e politico dovranno avere i partiti tutti nel caso in cui il Sindaco non voglia accettare l’aiuto offerto con grande senso di responsabilità dalla politica, sfiduciando senza indugio questa amministrazione e riportando alle urne la città”. Ha concluso.