Forza Nuova Gela: stipendi per le mamme e le mogli casalinghe. Domani raccolta firme in piazza Umberto I

Un’indennità alle madri e alle mogli casalinghe. Questo quanto richiesto da Forza Nuova Gela in collaborazione con l’associazione Evita Peron, che  domani sabato 12 marzo dalle ore 17:30 in Piazza Umberto allestiranno un gazebo informativo e la raccolta firme. Con tale iniziativa si chiede “una indennità di  500 euro mensili a ogni donna italiana che decide di rimanere a casa a curare i figli, la casa e la famiglia, a partire   dal matrimonio, ed un aumento di 300 euro al mese per ogni figlio nato fino al compimento del 18° anno età.  Il movimento politico chiede quindi un sostegno  economico la donna “che lberamente  decida di non «vivere» per strada lavorando fuori casa e sacrificando la vita familiare, ma che voglia essere solo moglie e madre, deve diventare priorità assoluta per la nostra società.” Il movimento politico rimarca come la madre di  famiglia sia esclusa da qualsiasi provvidenza,  essendo l’unico lavoratore al mondo  a non conoscere  salario, né garanzie previdenziali, né limite di ore lavorative, né domeniche, né ferie, né riposo, né indennità di licenziamento, nessun TFR, né scioperi di alcun genere.Forza Nuova mette in evidenza come nel mondo di oggi la  maternità venga  ostacolata in tutti i modi: attraverso la propaganda di modelli di famiglia folli e contro natura, attraverso la strenua difesa dell’aborto  o il ricatto economico che moltissime aziende impongono alle donne in gravidanza.  Tutto ciò ha portato ad una crescita zero della popolazione e una diminuizione delle nascite di quasi 100 mila unità, raggiungendo il minimo storico.
“Senza figli non c’è futuro. Il bonus bebè non serve a nulla, le mamme non hanno bisogno di gesti caritatevoli da parte di chi dovrebbe tutelare le
famiglie e attuare concrete politiche a loro favore”, afferma il  presidente di Forza Nuova Ivan Aliotta.