Gasolio agricolo di provenienza illecita come carburante automezzi: denunciato un catanese

Catania – Utilizzava gasolio agricolo di provenienza illecita come carburante per gli automezzi dell’attività imprenditoriale.

I Finanzieri del Comando provinciale di Catania hanno denunciato il titolare di una ditta individuale che si occupava di trasporto merci su strada. Nel corso di un controllo, gli specialisti del Gruppo Tutela Finanza Pubblica hanno effettuato il prelevamento di un campione del carburante presente nella cisterna utilizzata dall’impresa per il rifornimento dei propri mezzi, scoprendo che la sua colorazione era “verde alizarina”, caratteristica che contraddistingue il prodotto destinato ai mezzi agricoli da quello più caro destinato alle autovetture.

All’impresa, che non è stata in grado di esibire alcuna documentazione giustificativa della detenzione e dell’utilizzo di tale quantità di gasolio agricolo né di fornire un certificato di prevenzione incendi, i militari hanno sequestrato circa 1300 litri di prodotto illecito, nonché il serbatoio metallico, fuori terra e della capacità di 9 mc, corredato da pistola erogatrice.

I campioni di carburante prelevati sono stati quindi inviati all’Agenzia delle Dogane per l’esecuzione delle previste analisi organolettiche. A conclusione dell’intervento, il catanese, titolare della ditta individuale, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Catania per il reato di “sottrazione al pagamento dell’accisa sugli oli minerali” per aver destinato a usi soggetti a maggior imposta prodotti ammessi ad aliquote agevolate e rischia la reclusione da sei mesi a tre anni e una multa, il cui importo può variare da due a dieci volte il valore dell’imposta evasa.

Il motivo economico di questo tipo di condotta illegale risiede nel fatto che tale tipologia di gasolio, per favorire le imprese che operano nel settore agricolo, sconta una minore imposta e ha un prezzo di mercato di circa 0,95 euro al litro, quindi inferiore a quello “normale”, che è destinato all’autotrazione (pari a circa 1,62 euro a litro).

L’intervento rientra nell’ambito del sistema di controlli svolti, a tutela dell’Erario, del mercato e dei consumatori, nei confronti degli operatori che distribuiscono o utilizzano prodotti petroliferi.