Gela: aumentata la soglia di reddito per i 34 lavoratori ex Rmi, finora sospesi

Aumenterà la soglia di reddito per permettere l’integrazione dei 34 lavoratori dell’ex Reddito Minimo di inserimento finora sospesi, in modo che possano continuare a godere di questo beneficio.  Questo quanto comunicato dall’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Gela, Licia Abela, e dal consigliere comunale Salvatore Scerra, che  hanno ricevuto rassicurazioni dalla Regione Siciliana , si attende ora solo l’ufficialità della pubblicazione sulla Gurs che venerdì formalizzerà tale aumento. In poche parole non si terrà più conto della consistenza dei patrimoni mobiliari, immobiliari e reddituali, ma solo della valutazione del reddito che sale a 20mila euro per le situazioni individuali, e a 40mila euro per i nuclei familiari. “Tutti gli operatori dovono portare tutta la documentazione che deve essere chiara e precisa”, ha detto l’assessore Licia Abela. Tutta la documentazione presentata deve essere congrua e priva di omissione e integrata se mancato ancora dei certificati, in molti casi infatti è stato riscontrato questo genere di deficit. Il consigliere Scerra ha proposto all’amministrazione comunale di far istruire i mandati di pagamento delle unità finora sospese, in modo che vengano liquidati subito dopo la pubblicazione della nuova norma. Alla conferenza di stamani erano presenti i lavoratori della ex Rmi. 
“Un risultato importante ottenuto grazie ad un impegno congiunto delle istituzioni, senza steccati partitici” hanno commentato i due assesori. 

Articoli correlati