Gela Calcio:”Vogliono farci rinunciare alla D! Una vergogna!”

Dopo la mozione dei consiglieri Scerra e Napolitano approvata in consiglio comunale, la questione stadio si riaccende e torna ad infiammare l’aula consiliare. Alcuni consiglieri non approvano l’affidamento dell’intero impianto sportivo comunale al Gela Calcio e così una proposta che aveva scaldato il cuore dei tifosi, convinti di poter finalmente vedere uno stadio ammodernato sotto il controllo della squadra biancoazzurra, rischia di diventare una chimera, un sogno irrealizzabile e soprattutto un bastone fra le ruote dell’ambizioso patron biancoazzurro Angelo Tuccio. Nel frattempo il Gela Calcio tramite la pagina facebook ha chiarito la sua posizione e ha fatto intendere che nell’affidamento stadio sta la permanenza in D o la rinuncia al campionato. Ecco il comunicato stampa del Gela Calcio:“È davvero triste, perfino imbarazzante, dover assistere ogni volta al teatrino squallido offerto da chi crede che il CALCIO sia il male assoluto e che per questa ragione vada combattuto con ogni mezzo, una visione tribale degna dell’era delle palafitte. La storia, la tradizione, le passioni e i sentimenti di migliaia di sportivi gelesi vengono puntualmente umiliati, non da un gruppo di scaricatori di porto ma da alcuni consiglieri comunali in solido con un manipolo di associazioni sportive. Ci riferiamo alla levata di scudi contro la sola ipotesi di affidare in gestione il Presti al Gela Calcio (approvata dallo stesso civico consesso) che consentirebbe al Gela di programmarne in tempo la pulizia, le manutenzioni e le varie migliorie di cui lo stadio abbisogna da “qualche decennio” con il solo scopo di poter affrontare meglio la logistica della maggiore espressione calcistica della città e del territorio “IL GELA” che, per bravura, fortuna, testardaggine, coraggio, incoscienza, chiamatela come volete, sicuramente con tanti sacrifici, da alcuni decenni, sta portando avanti un’idea di calcio e il nome della città di Gela con una passione condivisa con migliaia di persone di Gela e non solo, che giustamente reclamano, da molti anni, uno stadio migliore, più sicuro, più confortevole, con più servizi e soprattutto più pulito ed efficiente. Tutte cose che una gestione privata dello stadio potrebbe assicurare e che per vari motivi la gestione pubblica non ha mai saputo assicurare. Vogliamo solamente consentire ai nostri tifosi di vivere lo spettacolo offerto dalla squadra della propria città “IL GELA” nel modo più sereno e sicuro possibile, come avviene in tutto il mondo, mentre qui a Gela, tutto è più complicato. La mission del GELA è profondamente diversa da quella di una qualunque associazione o società sportiva minore. Non ci teniamo proprio a fare o subire la guerra in casa da chi ha il solo interesse a scimmiottare una scuola calcio, con il solo obbiettivo di incassare la retta mensile dai genitori di tanti ragazzini con la sfacciataggine di volerlo fare anche attraverso l’uso di strutture pubbliche ! Questo si che è sicuramente illegale ! In nessuna parte del mondo civile si permette ad una società sportiva di usufruire di una struttura pubblica per fare una scuola calcio a pagamento ! Perché a Gela questo è permesso ? Cosa c’entrano le associazioni con il Presti, vogliono fare una grande scuola calcio con una grande retta mensile ? Non si era mai visto un tale livore solo per impedire alla squadra che regge il peso e la responsabilità di rappresentare l’intera comunità nel mondo del calcio, di potersi sviluppare e diventare più forte. Il GELA sta crescendo di categoria, di forza e di prestigio e questo da’ molto fastidio, è sempre stato cosi, nel recente passato questa guerra fratricida ha determinato perfino dolorose rinunce. Venerdì alle 15:00 è stato convocato un CdA della società Gela Calcio per fare il punto sulla situazione, previo incontro con l’Amministrazione Comunale di giovedì, e verificare se ci sono le condizioni per partecipare con gioia al prestigioso campionato nazionale di Serie D che con tanti sacrifici e la passione di migliaia di tifosi gelesi abbiamo appena conquistato.” 

Sarà dunque convocato un CdA per valutare le prossime mosse da intraprendere in quella che sembra l’eterna lotta tra la gli amanti del calcio e i meri interessi politici. Se da una parte l’intera amministrazione si è apertamente schierata a favore dell’affidamento, una buona parte dei consiglieri sarebbero pronti a bocciare la proposta.

Intanto lontano dalla città continua la preparazione della squadra allenata da mister Brucculeri: contro la Zafferana Etnea il Gela vince 15-0. L’unica nota dolente è l’infortunio di Alma rimediato però durante gli allenamenti. Il giocatore ne avrà per 15/20 giorni.