Gela: carta di identità elettronica “lumaca”

Da oltre un mese attendono il rilascio della Carta di identità elettronica i cittadini gelesi che si sono rivolti al Comune per ottenere il documento digitale. Resta la procedura d’urgenza (con l’emissione immediata del vecchio documento di carta) per chi deve partire per le vacanze, solo però a dimostrazione di possedere il biglietto aereo.

La carta elettronica, introdotta al comune di Gela dal 18 dicembre scorso, è ormai obbligatoria.

Si tratta della tessera in plastica che contiene un microchip con anche l’assenso o il diniego alla donazione di organi e i codici di identificazione per lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Il problema non è solo il costo di emissione, che è passato dai 5,42 euro ai 22,20 attuali: un sacrificio accettabile,  ma il  documento elettronico al momento da ben pochi vantaggi rispetto alla vecchia carta.

I cittadini hanno ben in mente come rinnovare la Carta d’Identità fosse un’operazione da pochi minuti; invece per ottenere la versione elettronica è necessario innanzitutto prendere appuntamento, per poi passare al  colloquio in anagrafe, e bisogna attendere ancora per l’invio a casa di una raccomandata con il documento.