Gela: chiusura Neurologia, costringerà a recarci a Caltanissetta. Tante le vite salvate nel reparto del dott. Nibali

La   chiusura del reparto di neurologia alla clinica Santa Barbara di Gela, unico in città che si occupa della salute del sistema nervoso, è un dramma per la città. Una situzione che genera molta preoccupazione non solo nei gelesi, ma per tutti i cittadini del distretto sud di Caltanissetta, visto che il reparto oltre ad avere delle eccellenze ha salvato la vita a tante persone.

Mancherà la continuità del servizio sanitario nonostante nella nuova pianta organica dell’ospedale Vittorio Emanuele fosse stata prevista una unità operativa di Neurologia. Ma mancano ancora le relative somme,  come aveva già detto aveva già sottolineato il direttore generale dell’Asp Cl2 Carmelo Iacono.

Quel che resta allora a noi cittadini è lottare per far sì che non ci venga sottratto un diritto fondamentale,  che è quello della salute. È una cosa veramente intollerante che una città grande come Gela, con un alto tasso di inquinamento  e  un certo numero di abitanti non debba avere un reparto del genere. Questo vuol dire che se dovesse succedere qualcosa, l’unico posto in cui possiamo avere risposte dettagliate si trova a un’ora da qui, ovvero a Caltanisetta.

A puntare il dito contro il governo regionale è anche il manager dell’Asp, che ha sottolineato come non si possa dismettere un reparto nel territorio se non ne aprono un altro. Tante le persone salvate grazie al reparto sito a Macchitella.

L’ultimo caso quello di una  donna che è giunta al pronto soccorso di Gela per cefalea strana e per disturbo dell’equilibrio. Dopo due ore dal suo arrivo e dopo tac encefalo negativa, appariva confusa più che all’ingresso, per tale motivo è stata chiesta una consulenza al reparto di neurologia della clinica Santa Barbara.
La pronta esecuzione della risonanza ha  permesso di fare diagnosi di Trombosi Venosa Cerebrale. Trattata con Eparina la paziente ha festeggiato a casa il capodanno.

“Cooperare come sempre abbiamo fatto con il pronto soccorso ha dato serenità ad una famiglia del comprensorio sanitario Caltanissetta sud.”  Questo quanto sottolineato dal dott. Giuseppe Nibali, primario del reparto di neurologia della clinica Santa Barbara