Gela: controllo delle piattaforme Offshore

Rientra nel protocollo d’intesa tra il Mise (Ministero dello sviluppo Economico) e il Comando Generale del corpo delle Capitanerie di Porto, il controllo delle piattaforme offshore del terriorio, che verrà effeuttato nei giorni 22 e 23 luglio dal personale del nucleo subacqueo di Messina del Corpo delle Capitanerie di Porto con l’ausilio del personale della Guardia Costiera di Gela coordinato dal comandante Pietro Carosia.
L’attività di ispezione sarà effettuata con l’utilizzo di un robot denominato “ROV” (acronimo di Remotely operated vehicle), che funziona collegato via cavo alla postazione remota di riferimento posizionata a bordo della motovedetta CP722 della Capitaneria di Porto di Gela.
L’attività di verifica, mirata ad accertare lo stato di salute delle piattaforme e delle strutture posizionate al di sotto delle stesse, proseguirà durante i prossimi mesi estivi con ripetute ispezioni sulle tre piattaforme che insistono sulle acque prospicenti le coste gelesi in modo da salvaguardare l’ambiente e l’ecosistema marino.