Gela costretta ad avere Oncologia con Caltanissetta: interviene il Csag

Si discute sempre delle stesse problematiche del Vittorio Emanuele di Gela  a cominciare dall’Utin. È così è stato fatto ieri, durante l’incontro nella  VI Commissione Ars.`

A rimarcarlo è Filippo Franzone, portavoce e coordinatore del Csag (comitato per lo sviluppo dell’area gelese), presente ieri assieme al sindaco Domenico Messinese, e alla V commissione Salute e Ambiente di Gela.

Il Comitato tramite Franzone ha evidenziato  una serie di dati  dati pubblicati in Gurs della riforma ospedaliera del 2017 mettendo in evidenza le sperequazioni tra i vari territori dell’isola, disomogeneità nell’assistenza sanitaria, investimenti in territori che continuano ad avere la più alta migrazione sanitaria della Sicilia. A interrompere Franzone è stato il presidente della Commissione Giuseppe Di Giacomo.

“A seguire gli interventi di Arancio e Federico che hanno provato a difendere la riforma, spostando l’attenzione su disponibilità economica e fondi disponibili”. Ha comunicato Franzone.

Il sindaco Messinese ha chiesto che Gela, visto che è una delle aree ad alto rischio ambientale abbia la sua autonomia in campo sanitario, con l’elevazione dell’ospedale gelese ad Azienda Ospedaliera con Dipartimento Oncologico di III livello e specialità in ricerca e cura per le malformazioni neonatali.

“Singolare l’intervento del Manager Asp Cl2 Carmelo Iacono, che riferisce che sta già lavorando al polo oncologico, ma di tutta l’Asp. Quindi se Caltanissetta da sola è un centro di III livello per l’emergenza, è da sola  un HUB di I Livello, per quanto concerne l’Oncologia Gela non può avere il Dipartimento di Oncologia da sola, ma con Caltanissetta, che ha Già l’Oncologia Medica con 14 posti letto ( a Gela ne sono previsti solamente 8), due UFA, la Radioterapia, la Pet-Tac, la Medicina Nucleare, l’Anatomia Patologica, la Pneumologia, la Neurochirurgia, ecc, e che quindi ridurrebbe il tutto alla continua migrazione dei gelesi. Inoltre si dichiara soddisfatto del fatto di essere riuscito a far elevare Gela a Spoke di II Livello. Certo è che se tra 8 Hub e 16 Spoke, Gela non fosse stata presente nell’elenco, avremmo raggiunto il culmine del ridicolo.

Nessun intervento da parte dei componenti della Commissione consiliare Sanità di Gela.” Ha detto Franzone.

Articoli correlati