Gela: da 24 giorni in attesa di sepoltura. Eppure aveva acquistato il loculo

Da 24 giorni il suo corpo é stato lasciato riposare dentro la casa mortuaria del cimitero Farello, in quanto il loculo che lei ha acquistato si trova all’interno della confraternita San Giuseppe che é in attesa di agibilità.

Con lei i suoi figli. Da quando la madre é deceduta non l’hanno mai lasciata sola in quella stanza in cui continuano ad alternarsi diverse salme, che man mano vengono tumulate.

“É inaccettabile che solo mia madre non riesca a trovare il riposo in quello che é il loculo che lei ha acquistato con tanti sacrifici” ha detto il figlio Massimo.

Nella stessa confraternita da vent’anni riposa il corpo del marito della donna.

“Avevano comprato i due loculi vicini per stare insieme anche dopo la morte. ” ha aggiunto Massimo.

La confraternita era stata chiusa al pubblico tempo fa per danni al tetto. Ma sebbene i lavori siano stati effettuati, il mausoleo non é stato aperto nemmeno per la commemorazione dei defunti.

“É una questione burocratica: documenti che passano da ufficio a ufficio e a farne le spese é stata mia madre. Abbiamo chiesto che il suo corpo venga tumulato anche senza di noi, ma finora ciò non é stato permesso. ” Ha detto Massimo.

Intanto i parenti  degli altri defunti tumulati all’interno della confraternita non hanno potuto portare i fiori, nemmeno in questi giorni.

Eppure chi ha acquistato i loculi all’interno di quello spazio, ne é proprietario per 100 anni.

“Spero che questa storia finisca al più presto. Mia madre merita pace, e noi siamo stanchi di lottare ogni giorno per far valere un suo diritto. ” Hanno detto i figli.