Gela: disoccupato minaccia di lanciarsi dall’alto di Palazzo di Città

Senza lavoro da circa tre anni, un uomo di 52 anni si è incatenato sulla torre di Palazzo di città di Gela minacciando di gettarsi nel vuoto.

Il gesto disperato del muratore disoccupato, nasce dopo tanti appelli lanciati alle istituzione. Un uomo solo, con una separazione alle spalle, che vive nella miseria, e che mangia  alla Piccola Casa della Misericordia. Chiede un lavoro per sè e per sostentare il figlio. I suoi appelli finora sono rimasti inascoltati.