Gela, droga in una comunità per richiedenti asilo: irreperibile ghanese. Arresti e denuncia

Due arresti e una denuncia, questo è il risultato dell’operazione svolta dgli agenti del Commissariato di Gela nel fine settimana scorso. Si tratta di Paolo Giuseppe Melilli di 31 anni, che dovrà scontare un mese e 20 giorni ai domiciliari perchè condannato per i reati di porto abusivo di arma e resistenza a Pubblico Ufficiale. Arrestato anche Sebastiano Mario Ragonesi, catanese  di 41 anni, che dovrà espiare la pena di due anni, perché condannato per il reato di calunnia continuata commesso a Gela il 22 gennaio del 2008,  e il 14 febbraio del 2008 a Caltanissetta.   La denuncia è scattata nei confronti del ghanese  A. K.di 24 anni, richiedente asilo, per  detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. In particolare al giovane ghanese sono stati equestrati 125 grammi di hashish, nell’ambito degli ordinari controlli finalizzati alla prevenzione e contrasto dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti in Gela. I controlli sono scattati dopo una segnalazione pervenuta al numero 113 della locale sala operativa, circa il possesso di sostanza stupefacente da parte di A.K. La perquisizione è avvenuta nei pressi di una comunità alloggio per richiedenti asilo, sita in città dove risulta dimorare il cittadino ghanese. Gli agenti hanno ritrovato lo stupefacente all’interno delle tasche di un giubbotto di pelle e di un pantaloncino: 11 dosi già confezionate di hashish per un peso lordo complessivo di 25 grammi circa. All’interno  di una valigia posta in un armadio sono stati ritrovati un panetto della stessa sostanza del peso lordo di grammi  100 circa. Indumenti e valigia appartengono al denunciato che fino a oggi risulta  irreperibile.