Gela, emergenza educativa, trascurata dalle istituzioni. Seminario del Cesvop con esperti alla Casa del Volontariato

Emergenza educativa e le prospettive di rete. Questo é stato il tema affrontato durante il seminario organizzato dal Cesvop che si é svolto a Gela, preso la Casa del Volontariato lo scorso sabato 27 giugno. L’evento é stato promosso da una vasta rete di associazioni di volontariato della provincia di Caltanissetta. Hanno relazionato la psicologa e arteterapeuta, dott.ssa Sara Molino, che è interventuta sul tema : “Identità, stile educativo e valore educativo della gratuità all’interno dei rapporti intergenerazionali” e il sociologo e docente di comunicazione dell’Università di Messina, Prof. Francesco Pira che è intervenuto sul tema: “Attuale situazione giovanile, crisi educativa e rapporti intergenerazionali”. É intervenuta anche la psicologa esperta in dinamiche di gruppo, la D.ssa Cristina Russotto che ha affrontato il tema: “Le tecniche di animazione nella gestione dei gruppi”. Hanno partecipato 80 volontari in rappresentanza di quaranta associazioni di volontariato impegnate in campo educativo e proveniente dai comuni del distretto socio sanitario di Gela, Caltanissetta e San Cataldo. <<E’ fin troppo evidente che nella nostra città c’è una grande emergenza educativa, che Istituzioni poco presenti, hanno sottovalutato ed il rischio è che che tale superficialità continui con la scusa della mancanza di risorse e progettualità a breve termine. Ad affermarlo è Enzo Madonia, presidente del Movimento di Volontariato Italiano>>. Continua Madonia << Ogni sistema sociale, ogni città, dovrebbe trasmettere ai più giovani principi e cultura, educandoli ad inserirsi in un tessuto. Nella nostra città invece ci sono ragazzi privi di rinforzi educativi provenienti da famiglie problematiche, che crescono con con la convinzione che non esistono limiti da rispettare e autorità a cui obbedire né sacrifici da sopportare>> <>

Articoli correlati