Gela: Enimed e geologi, per la sostenibilità e la sicurezza nelle attività estrattive

Due importanti giornate di studi organizzate dall’Ordine regionale dei geologi di Sicilia e Assomineraria/Enimed, giorno 15 e 16 maggio al Teatro Eschilo. Le attività di estrazione di idrocarburi e le tecnologie applicate che consentono un rispetto dell’ambiente e la totale sicurezza delle operazioni, sono state al centro dell’incontro, che ha visto la partecipazione di circa 100 geologi iscritti all’albo provenienti da ogni parte della Sicilia e da altre regioni di’Italia, e tecnici specializzati. Interventi di altissimo livello che hanno visto la partecipazione del presidente dell’Orgs  Giuseppe Collura, e del presidente ed amministratore delegato di Enimed Massimo Barbieri.   In particolare sono state illustrate in modo approfondito le varie fasi del ciclo di vita di un asset minerario (esplorazione, sviluppo, coltivazione e decommissioning) e le tecniche di prospezione geofisica e perforazione. Enimed, società dell’Eni presente in Sicilia , ha illustrato gli interventi di sviluppo e esplorazione off shore, previsti al largo delle coste di Licata e Gela, finalizzati alla produzione di metano. Progetti che avranno un impatto positivo economico e occupazionale. Inoltre si è sottolineata l’innovazione tecnologia nel settore estrattivo, con l’adozione delle migliori tecnologie, Bat. ” Gela si è posta la centro della formazione  e informazione sull’innovazione scientifica e tecnologica del settore produttivo, grazie alla sinergia tra Orgs e Assomineraria/Enimed.  L’attività di ricerca e produzione di idrocarburi è sempre stata al centro di grande interessi delle professione di geologo, che necessita di un insieme di competenze su svariati settori “. Ha detto Salvatore Collura. Circa trenta geologi ieri mattina hanno visitato il Nuovo Centro Olio di Gela, dove hanno illustrato le modalità con cui gli idrocarburi subiscono un primo trattamento dopo l’estrazione dei pozzi. “L’Eni, ha pianificato al largo della costa di Gela lo sviluppo di un’importante area per la produzione di gas naturale”.  L’incontro è stato patrocinato dal Comune di gela e dagli Assessorati Energia e ambiente della Regione Sicilia.