Gela fa parte di Catania: applausi di Renzi. Csag: non c’è più tempo da perdere

Catania, è la più grande città italiana non capoluogo di regione, è più grande della maggioranza delle città capoluogo di regione. Il Comune di Catania ha 315.576 abitanti, la cintura metropolitana, secondo i parametri della Del Rio e con le adesioni di Gela, Piazza Armerina e Niscemi….”

Questo ha sottolineato ieri il sindaco di Catania Enzo Bianco, subito dopo le firme del Patto per Catania, siglate dal Premier Renzi e dal Sindaco patto che destina alla area catanese  circa 750 milioni di Euro per le infrastrutture Al teatro Metropolitan c’erano anche le delegazioni dei comitati Csag,  Pro Referendum Piazza Armerina, Liberi Consorzi Niscemi e Consulta di Niscemi.

Il discorso del sindaco di Catania è stato interrotto da un’ovazione.

Tutta la sala ad applaudire, nel palco, anche il Premier Matteo Renzi applaude, ma non solo, nella prima fila, c’è il Ministro Graziano Del Rio, fautore della Legge n. 56 del 7 aprile 2014 denominata da tutti “Del Rio”, applaudiva anche lui, insieme ai  sottosegretari Claudio De Vincenti, alla Presidenza del Consiglio, e all’Istruzione Davide Faraone. 

 

Ad applaudire, con convinzione, anche gli oltre 40 sindaci della Città Metropolitana di Catania seduti nelle prime file, parecchi di loro già contattati negli anni dai comitati,  tra essi presenti anche il Sindaco di Piazza Armerina, Filippo Miroddi ed il Vicesindaco di Niscemi, Rosario Meli. Sindaci che ringraziamo per l’affetto dimostrato a queste comunità che con il loro applauso accolgono l’ingresso di Gela, Piazza Armerina e Niscemi con piacere.

 

“Con questo applauso, ci incoraggiamo ancor di più, le istituzioni presenti hanno sentito ed applaudito, del resto, il Governo nazionale non ha mai mosso nessun dubbio sull’art. 44 della LR 15/15, a conferma di come l’iter di adesione alla Città Metropolitana che, hanno faticosamente svolto queste tre comunità, sia regolare e costituzionalmente garantito.

 

Adesso, ci auguriamo che il parlamento regionale faccia presto, prendendo atto del lavoro svolto da queste comunità, nel rispetto delle Leggi, che lo stesso Parlamento regionale ha prodotto, e che finalmente, dopo anni, voti favorevolmente l’adesione alla Città Metropolitana di Catania di queste tre tenaci città: Gela, Piazza Armerina e Niscemi.

 

Non c’è più tempo da perdere, perché ogni giorno che passa, queste comunità perdono denaro in mancata programmazione, inoltre non possono ancora attingere ai fondi per le Città Metropolitane, creando anche in questo caso un notevole danno economico.”. Ha detto Filippo Franzone, portavoce del Csag.