Gela, Fiab chiede una nuova mobilità con traffico limitato

Una giornata dedicata al mezzo di trasporto più ecologico, la bicicletta, è stata quella organizzata ieri dalla Fiab Nanocicli Gela in collaborazione con il Rotary Club. Una pedalata per rivendicare nuove politiche sulla mobilità. “La moderazione del traffico per una città intelligente”. E’ questo l’obiettivo su cui lavora Fiab a livello nazionale. La bici come mezzo di trasporto, al pari e meglio dell’auto, la bici che non è solo sport e divertimento, ma cambiamento per la mobilità ed il vivere comune: questi principi hanno trovato espressione nella pedalata di ieri. “Non solo piste ciclabili, che costano e sono spesso non realizzabili nei centri storici, ma provvedimenti concreti di moderazione del traffico, studiati da esperti e applicati ad arte. Pensare alle singola buca non è risolutivo, serve un grande progetto complessivo che riveda la mobilità in città” ha detto Simone Morgana, vicepresidente della Fiab Gela. “#pedalaincittà” è un impegno che porta i ciclisti urbani gelesi sulle strade e che vuole tutelare tutti gli utenti deboli della strada, non solo i ciclisti. “Nel pomeriggio di domenica 12/04 – ha comunicato Morgana – abbiamo anche parlato di soluzioni a basso costo per la moderazione del traffico, con un incontro all’Hotel sileno dove Fiab e Rotary si sono confrontate su temi legati alla rivoluzione della mobilità urbana. Gli atti di questo convegno verranno donati all’amministrazione affinchè si utilizzino per dare un volto nuovo alle politiche sulla mobilità cittadina. Una città vivibile ed economicamente in crescita nasce dalla creazione di una mobilità nuova”.