Gela fra le tappe di “Cenere”, la mostra-cimitero di Calascibetta e Orphée

Rimarrà fino al prossimo 17 settembre la mostra dal titolo “Cenere”, allestita presso l’ex chiesa San Giovanni, a Gela.

Una personale doppia, così come è stata definita dal curatore Andrea Guastella in occasione dell’inaugurazione, che porta la firma dell’artista Momò Calascibetta e del critico d’arte Dario Orphée, che ha curato i testi in vista del catalogo a cui si sta lavorando.

Una mostra che è più un cimitero, con le tele che sono più dei loculi in cui “riposano” i protagonisti del mondo dell’arte: galleristi, collezionisti, critici, curatori.

Seppelliti e risorti nelle opere di Calascibetta, condannati a ripetere sempre gli stessi gesti, intrappolati nei colori e nelle forme dell’arte. Una lotta al potere e ai potenti che non hanno regole, una riflessione sulla morte, dalla quale non si scappa e che dà un senso a tutto.

I protagonisti appartengono a una Spoon River davvero speciale, inseriti in un villaggio fantasma, un cimitero colorato. La mostra, dal carattere itinerante, attraverserà i principali siti della Sicilia. L’ingresso per visitarla è gratuito, i locali sono aperti al pubblico il martedì e il giovedì. L’inaugurazione, tenutasi lo scorso 13 agosto, è stata impreziosita anche dalle musiche di Filippo Calascibetta.