Gela ha bisogno di sicurezza. Qui la criminalità agisce indisturbata

In tanti avevano chiesto mesi fa  l’esercito per Gela,  città  in balia di una  criminalità che agisce in modo indisturbato. Lo avevano chiesto  consiglieri, sindacalisti e alcuni movimenti politici. L’esercito servirebbe a garantire quella sicurezza che cittadini e titolari di attivirtà commerciali meritano,  ed è inammissibile pensare che  la presenza di soldati  possa rovinare l’immagine di Gela. Come si fa a pensare che Gela possa diventare, in tali condizioni. una città turistica? .
Qui regna la paura di trovare al risveglio la propria auto coinvolta nell’ennesimo rogo, la paura di lasciare la propria casa per più giorni e trovarla svaligiata. La paura di essere testimoni dell’ennesima rissa, e fare quella brutta figura magari con gli amici che avevano deciso di trascorrere un sabato sera nella tua città.
E ancora crediamo che l’esercito possa rovinare l’immagine di Gela? Tanti oggi richiedono l’esercito per Gela, tale parola è la più gettonata oggi nei messaggi su fb, dopo l’ennesimo attentato incendiario che stamani ha coinvolto due auto e messo a repentaglio la vita di tre anziani, che si sono svegliati con la loro casa quasi avvolta dalle fiamme.
 Perchè l’esercito non rovina l’immagine della incantevole Roma? Lì c’è l’esercito eccome! Sarà per la paura degli attentati terroristici,  ma i soldati con le loro divise mimetiche e i fucili sono in tutti i siti di maggiore interesse, e questo ti dà una certa tranquillità.
Quella dei roghi notturni in cui vengono puntualmente date alle fiamme alcune auto di cittadini gelesi è una storia che va avanti oramai da anni. Proprio nella via in cui si è cosumato l’ultimo attentato incendiario, vi è una insegna con tanto di scritta “area videosorvegliata”. Come è possibile che fino a a oggi non siano stati identificati i responsabili?
“Ma a cosa servono allora le telecamere di videosorveglianza collocate in diverse zone del nostro centro abitato”- si legge in una nota fatta circolare dal movimento politico Forza Nuova. “Questi episodi -continua Forza Nuova-  rappresentano un’ulteriore testimonianza del fatto, ormai chiaro a tutti, che questo Stato, tramite le istituzioni deputate a rappresentarlo, non riesce a garantire la sicurezza dei suoi cittadini ed a tutelare il quieto vivere della comunità”. Forza Nuova Gela ha richiesto l’intervento dell’esercito in città. 
“Facciamo per l’ennesima volta questo appello al Sindaco e alla giunta comunale esortandoli a svegliarsi e non stare inermi di fronte a queste angherie che i cittadini gelesi subiscono quotidianamente”. Hanno sottolineato i componenti del Movimento.
“Dopo l’ennesimo, devastante incendio, il Sindaco potrebbe farci la «cortesia» di scrivere al Governo Nazionale, al Presidente della Repubblica, a chi reputa più opportuno indirizzare questo sentimento di insicurezza diventato padrone delle vie, delle piazze e di tutti i quartieri?” Ha pubblicato nella sua pagina fb il segretario della Cgil ignazio Giudice.
Oggi i cittadini gridano a gran voce: Gela ha bisogno di sicurezza.

Articoli correlati