Gela: in consiglio comunale la questione rifiuti. La città sepolta dai sacchi di spazzatura

Si terrà il 3 maggio prossimo, alle 20:15, l Consiglio Comunale, in seduta
straordinaria e monotematica, per la trattazione della situazione rifiuti a Gela.

Le discariche abusive nella città di Gela non conoscono fine. Dal centro alla periferia, accanto alle scuole, e agli uffici pubblici, un “mare” di rifiuti occupa marciapiedi, strade e aiuole.

L’interruzione del servizio straordinario di rimozione dei sacchi di spazzatura indifferenziata ha trasformato la città in vera e propria pattumiera. Topi e blatte proliferano, e la situazione sfiora l’emergenza.

Diversi gli interventi da parte di associazioni, comitati di quartiere, e consiglieri comunali per sollecitare la giunta a cercare una soluzione per liberare la città da tale scempio.

Il 17 aprile scorso il sindaco Domenico Messinese aveva emesso ordinanza di rimozione.

Ma finora nella sfida tra il primo cittadino, e  i cittadini indisciplinati che non intendono effettuare la raccolta differenziata, ha perso la città.

Il servizio straordinario di rimozione rifiuti, e di spazzamento ha  comportato una scopertura finanziaria di 10 milioni di euro, non ancora colmata, in favore della ditta appaltatrice Tekra, in quanto debito fuori bilancio che il Consiglio comunale non ha mai voluto sanare, così come non ha mai voluto accettare la proposta del sindaco di aumentare del 40% la tassa sui rifiuti.