Gela-Licata, l’Amministrazione incontra l’ANAS per mettere in sicurezza la SS115

L’Amministrazione Comunale incontrerà l’ANAS per discutere sulle strategie di intervento da effettuare sulla pericolosa strada statale 115 Gela-Licata, divenuta uno dei tratti più a rischio della Sicilia tanto quanto la storica Gela-Catania. Denominata “Strada maledetta”, la SS 115 porta sul proprio asfalto purtroppo i nomi di tantissime giovani vite spezzate: gli ultimi in ordine di tempo sono stati i fidanzati licatesi Paolo e Sara, trent’anni lui e venticinque lei, che hanno perso la vita in uno scontro contro un autocarro utilizzato per il trasporto della frutta e il trentasettenne gelese Crocifisso Emanuello, che a bordo della sua Nissan Micra si schiantò contro un pullmam che viaggiava nella direzione opposta. Proprio nei giorni scorsi, inoltre, l’Associazione H aveva rivolto un appello all’Amministrazione affinché intervenisse con semafori, rotonde e dissuasori della velocità. La risposta è arrivata oggi a nome dell’Assessore Casano che ha comunicato la data dell’incontro con l’ANAS, il 5 marzo, per far fronte al problema della sicurezza lungo la “strada maledetta”.