Gela: lunghissime liste d’attesa riabilitazione infantile. Interviene il deputato Federico

Continuano ad essere  lunghissime a Gela le liste di attesa per prestazioni di logopedia e psicomotricità, servizi per la fascia di popolazione infantile. Sulla questione è intervenuto il deputato di Forza Italia, Pino Federicomc he chiede al Governo un intervento urgente. Il deputato   ha messo in evidenza come il distretto sanitario di Gela, tra i quattro dell’area territoriale di Caltanissetta  conti il maggior numero di popolazione con un’alta percentuale di giovani e bambini. L’Asp mantiene un  servizio  nel settore della riabilitazione non omogeneo sul territorio, evidenziando alcune importanti contraddizioni e sperequazioni dell’offerta sanitaria provinciale fra la parte meridionale (appunto Gela) e la parte settentrionale;

 

“Sul territorio moltissime patologie che interessano principalmente bambini al di sotto dei tre anni e che necessitano di riabilitazione sia neurologica sia fisica, senza la quale si rischia di compromettere la crescita con danni irreversibili, storicamente le prestazioni riabilitative nella provincia di Caltanissetta sono state sottodimensionate, difatti il territorio gelese dispone per questo tipo di terapie solo di tre milioni di euro di budget circa, meno della metà di quello a disposizione della parte settentrionale del territorio provinciale, facendo registrare nel distretto di Gela lunghissime liste di attesa”. Ha sottolineato il deputato  

Tra l’altro la persistente crisi economica in città, impedisce alle famiglie di rivolgersi a strutture private per la terapia riabilitativa, e poi nella  zona meridionale della provincia non esistono strutture private che possano erogare tali servizi;

 

Il consigliere con una mozione chiede se “ il Governo non ritenga opportuno  di intervenire con estrema urgenza ristabilendo la parità dei diritti di tutti i cittadini affinché questa gravosa situazione di disparità dei territori e di forte disagio sanitario”.

Inoltre l’on. Federico chiede quali urgenti e utili misure intende il Governo porre in essere affinché venga ristabilita la giusta dotazione finanziaria all’offerta di prestazioni riabilitative sanitarie.