Gela: nasce il Fronte giovanile di “Destra in movimento”. Ecco gli obiettivi e i componenti

Nasce il movimento Giovanile di Destra in Movimento “Fronte Giovanile” di Gela, comprendenti tutti gli iscritti di età compresa tra i 15 e i 25 anni.  La prima assemblea si è tenuta sabato scorso, 18 giugno nella sede del movimento a piazza Salandra.

“Il Fronte Giovanile – ha detto  l’Avv. Francesco Minardi, presidente di Destra in movimento–  svolgerà un ruolo di primissimo piano all’interno della politica territoriale, dando precedenza proprio ai giovani, sicuramente capaci e volenterosi di scoprire una politica di destra, attiva, vicina ai cittadini e lontana dai giochi di palazzo, puntando particolare attenzione sulle problematiche che riguardano i giovani lavoratori, gli studenti e gli universitari”.

Durante l’assemblea è stato eletto il segretario del Fronte Giovanile, Raffaele Docente, e il suo vice, Oscar Marchetti.

Costituito anche il direttivo composto da: Rocco Daniele Cafà, Giacomo Carfì, Giuseppe Catania, Giuseppe Corallo,  Nicholas Di Gesù, Davide Falci, Angelo Malandrino, Debora Mugliarisi, Elena Passaniti, Claudio Perconte, Eleonora Catania e Carmelo Tuccio.

“La nascita del Fronte Giovanile – continua il presidente Minardi – rappresenta per Dim la conferma di un duro lavoro di “organizzazione e ricostruzione” che il nostro Movimento, pur se nato ancora da pochi mesi, sta portando avanti nel nostro comprensorio.

Dopo questa prima fase, di programmazione e consolidamento, daremo finalmente vita alla fase più dinamica, fatta di idee, iniziative e proposte pratiche da portare in seno alle istituzioni competenti”.

“La nostra generazione, da troppo tempo accetta supinamente i diktat imposti dalle vecchie generazioni al potere di questa città, a parole dicono di volerci far strada ma nei fatti si tengono ben lontani dal farlo. Noi giovani del Fronte Giovanile – ha riferito il neo segretario Raffaele Docente – abbiamo deciso di scendere in campo e lottare per riprenderci quanto ci è stato tolto, il sogno di un futuro migliore. Per questi motivi invitiamo tutti i giovani di buona volontà di questa Città ad unirsi a noi per lottare, tutti insieme, per i nostri diritti.”

Articoli correlati