Gela nel piano di sviluppo turistico del “Distretto della Valle dei Templi”

Tre progetti promossi dagli Stati generali del Turismo mirati allo sviluppo turistico del Distretto della Valle dei Templi, che saranno presentati ad Agrigento, Caltanissetta e Gela.  Si tratta di Si tratta di “e-Migrantes, Tour della Memoria”, “Access for All” e “Ospitalità nei Borghi”, progetti che coinvolgeranno diverse associazioni enti e stakeholder, cioè i principali attori del territorio per un sviluppo turistico, che insieme possono sviluppare e concretizzare idee e progetti. I tre progetti saranno presentati nelle tre città coinvolte: ad  Agrigento il 20 aprile alle 15.30, nella sede del Distretto, il 22 aprile alle 9.30 a Caltanissetta, nell’auditorium della Biblioteca Scarabelli, e, lo stesso giorno, dalle 15.30 nei locali comunali di Viale Mediterraneo a Gela. Mantenere il contatto con la propria terra di origine, con le proprie radici culturali e sociali, ritrovandone tradizioni e bellezze paesaggistiche,  è l’obiettivo di “e-Migrantes, Tour della Memoria”,  un progetto volto alla promozione dei territori del Distretto “Valle dei Templi”, per intercettare 700.000 siciliani con passaporto italiano residenti all’estero, in particolare nei Paesi europei Francia, Germania, Regno Unito e Spagna e in Usa. Un numero che sale enormemente, se si considera le persone che hanno rinunciato alla cittadinanza arrivando a contare oltre 6 milioni di persone, legate a diverso titolo di discendenza alla Sicilia. Il Distretto Turistico Valle dei Templi pensa ad un nuovo tipo di turismo esperienziale che ripercorre i solchi della tradizione, con il “Museo della Memoria Virtuale”, un forziere digitale che racchiude testimonianze, usanze, immagini e storie del passato che permetteranno agli emigranti siciliani, anche di seconda o terza generazione, per fare un tour virtuale nei luoghi e nei tempi della Sicilia dei loro padri e nonni.
 “Access 4 All”, è sistema integrato di accessibilità del Distretto Turistico, volto al miglioramento dell’offerta turistica tramite l’implementazione di sistemi informatici e multimediali di orientamento del visitatore e grazie ad oltre 500 segnali che indicheranno e identificheranno il territorio. L’accessibilità sarà intesa a 360 gradi, ovvero dall’attenzione alle disabilità motorie alle intolleranze alimentari, dalle allergie, alle inabilità sensoriali.
“Ospitalità nei Borghi” è invece un progetto pensato per accrescere la consapevolezza tra gli operatori turistici delle opportunità offerte dal  Distretto e  configurare offerte turistiche integrate su scala distrettuale. Il progetto ha come obiettivo di realizzare uno studio per un modello replicabile di ospitalità nei centri storici e nei piccoli centri. 
 

Articoli correlati