Gela: il Palio dell’Alemanna incanta il numeroso pubblico. Atmosfere medievali nel centro storico

È stata una lunga festa per le migliaia persone che si sono riversate nelle vie del centro storico di Gela per rivivere con curiosità atmosfere, suoni, visioni secolari, per il Palio dell’Alemanna che si è proclamato tra i più importanti eventi di tutta l’estate

Per due giorni si sono alternati sputafuoco, giocolieri, sbandieratori, acrobati, cavalieri, dame, contadini, trampolieri, fire show, musici per incantare nell’atmosfera nelle principali vie di Gela le migliaia di visitatori che fino a notte fonda invaso il centro storico della città.

Uno spettacolo unico e d’effetto, dove sono stati anche ammirati i costumi sartoriali e accessori riprodotti con sapienza e ricercatezza. Soddisfazione è stata espressa dall’ideatore Giuseppe La Spina. “Il centro storico ha cambiato volto per calare la città in un’atmosfera medievale”.

La parata ha visto la presenza di oltre 300 figuranti che ha dato vita ad un itinerario che rivivrà attraverso i costumi e gli strumenti del tempo”. Protagonisti i Tamburi di Buccheri (Siracusa), dei Taratatà (Castelvetrano), dei Cavlieri di Plulia (Piazza Armerina), dei Milites Trinacriæ (Modica e Ragusa), del Gruppo Archeologico Gèloi (Gela), del Gruppo storico di Castelvetrano, dei Musici e Giocolieri del Castillio di Terranova, dei Tamburi di Mazzarino e della Corte federiciana dell’Associazione “La Rupe – Officine Medievali” di Enna.

L’evento ha avuto il patrocinio del Comune di Gela, ma anche quello di ENIT (Ente Nazionale Italiano per il Turismo), una grande occasione insomma per promuovere l’evento in tutta Italia e anche all’Estero.