Gela: piani di assistenza personalizzati per minori con disabilità. Al via le domande

 Al via l’attuazione dei Piani personalizzati dei minori con disabilità, nel  distretto socio sanitario D9, di cui Gela è Comune capofila.  Questo il modo per verificare le reali esigenze del territorio.A comunicarlo è stato l’assessore ai Servizi Sociali Licia Abela.

“Stiamo avviando le pratiche per un vero e proprio censimento della disabilità su tutto il territorio comunale e distrettuale – ha spiegato l’assessore che ha specificato che si inizierà con iminori con disabilità che richiedono assistenza domiciliare, senza limiti reddituali.

“Sarà un lavoro importante e certosino effettuato di concerto con l’Asp e che vedrà la stesura di numerosissimi Piani Assistenziali Individuali Pai proprio per monitorare le esigenze specifiche del territorio”.  Ha continuato l’assessore.

“Questo è ovviamente solo il primo passo di un progetto ad ampio raggio che vedrà coinvolto non solo Gela come Comune capofila del Distretto socio sanitario, ma tutti i soggetti che hanno un ruolo importante nella tutela della salute. Questo – ha concluso Abela – rappresenta certo un momento iniziale che fonda le proprie basi su atti di civiltà, integrazione e giustizia sociale, espressione concreta della reale attenzione che la Giunta Messinese ha sempre dimostrato nei confronti di tematiche così sensibili e meritevoli della massima tutela”.

Le famiglie interessate possono comunicare i nominativi dei loro familiari minori disabili che necessitano di assistenza domiciliare, allegando la relativa certificazione sanitaria rilasciata dalla Commissione Invalidi Civili. Le istanze, da consegnare al protocollo generale del Comune di residenza o da inviare per mezzo posta con raccomandata fornita dalla ricevuta di ritorno, vanno redatte sul modulo disponibile negli uffici del Settore Servizi Sociali e scaricabile sul sito istituzionale dei Comuni del distretto.

Le domande dovranno essere corredate dalla documentazione prescritta, con la copia del documento di riconoscimento in corso di validità del familiare che inoltra l’istanza. Il termine ultimo per la presentazione è il 21 aprile.