Gela: Pitbul ferito, chiamano i vigili ma viene soccorso dopo 3 giorni. Interviene la Lida

Era ferito gravemente ma è stato soccorso dopo tre giorni, nonostante la segnalazione fatta ai Vigili Urbani da parte di un cittadino gelese.

Si tratta di un cane Pitbul rivocerato il 13 aprile scorso dal comune di Gela presso il rifugo sanitario Ricara, per ferite riportate da presunti combattimenti o per incidente stradale.

Questo quanto messo in evidenza dalla Lida di Gela che ha richiesto la cartella clinica del cane in questione. “La prima segnalazione è stata  fatta ai vigili urbani di Gela da un cittadino la domenica precedente.Tre giorni dopo il cane era  in evidente stato di disidratazione e incapace perfino di alzarsi. Dopo tre giorni  il cane si trovava ancora sul posto indicato dalla segnalazione fatta tre giorni prima e veniva fatta una ulteriore segnalazione ai vigili urbani il mercoledi mattina . Nel pomeriggio la segnalazione arrivava anche ai nostri volontari che prestavano urgentemente soccorso al cane . La sera di mercoledi verso le 18:30 , dopo reiterate richeste da parte nostra ai telefoni dei vigili urbani di Gela finalmente il cane veniva prelevato dalla ditta convenzionata con il comune , Ambiente Italia  . Il cane veniva quindi trasferito al rifugio sanitario convenzionato con il comune di Gela , a 100 km di distanza , senza un controllo da parte del veterinario della Asp competente del terriorio,  che potesse verificarne le condizioni di salute, come da protocollo legge regionale 15 del 2000 e successivi decreti del 2007 a firma Cuffaro.” 

Con tale affermazione che viene riportata nella mail rivolta al canile Ricara, la Lida evidenzia le  lacune nel servizio di soccorso di animali feriti , nella segnalazione di tali eventi tra le varie parti interessate ( vigili urbani e ditta convenzionata) . 

“Evidente il mancato  controllo degli interventi richiesti dai vigili urbani alla ditta convenzionata ,ed il conseguente mancato soccorso ad un animale ferito che ha priorità  di intervento dettata dal nuovo codice della strada riguardo ad animali feriti vittime di incidenti o coinvolti in essi o vittime di maltrattamento (circolare ministero della salute 4 agosto 2010 ( reperibilità e Pronto soccorso coinvolge veterinari Asp e comune)”. Affermano i volontari della Lida.